di el

prendi una matita e sottolinea i pensieri. il fatto è che non uso mai matite. ma oggi guardo in borsa ed eccola li. le sorrido stupita e le prometto che mi prenderò cura di lei. dammi una matita e ti spiegherò il mondo. il mio.
cuffie alle orecchie, sono pronta per la mia passeggiata serale, quella che serve a rigenerarmi. oggi è tutto diverso. sono diversi i colori, sono diverse le aspettative, diverse anche le persone. è tutto talmente stravolto da non farmi riconoscere le strade. sono costretta a guardarmi i piedi per assicurarmi di poggiarli saldamente al cemento. le gambe cominciano a tremare. devo fermarmi qui, su questa panchina al parco. colpa, merito di quel raggio di luce fra gli alberi. uno di quei raggi disegnati nelle fiabe, così chiaro e granuloso. così inusuale e invadente. prepotente. colpa di nick cave che sussura della vita e dell’amore.
e allora capisco. capisco che ho sempre cercato di vivere la vita come se fosse un film. mi guardo attorno per individuare il regista, gli attori, lo sceneggiatore. ed ecco me, una comparsa in continua lotta per il ruolo da protagonista. una fra tanti.
ma oggi anche io sono diversa. oggi ho messo gli occhiali. oggi ho legato i capelli. oggi voglio vivere in secondo piano.
oggi voglio limitarmi ad osservare.

http://www.youtube.com/watch?v=rKlaV-9Vzsk

Your face has fallen sad now For you know the time is nigh When I must remove your wings And you, you must try to fly

Annunci