sempresenzatempo

non è mai abbastanza. ed allora si incolpa. così veloce, così breve.

se solo avessi ne avessi di più è la scusa più semplice e lui, il tempo, il capro espiatorio per eccellenza.
se la giornata fosse di 42 ore potrei disegnare di più, imparare a dipingere, studiare le lingue, finire i libri accumulati sul comodino, dedicarmi agli amici. se avessi più tempo potrei essere migliore, curarmi, andare in palestra.
è facile incolpare il tempo. 


ma si sa. io lo so. il problema non sono le ore. non sono i minuti liberi. 
il problema sono le idee, la costanza, la decisione, l’intelligenza, la creatività. 
il vero problema è la loro assenza.

il problema non è il tempo ma il non essere in grado.
il mio, genericamente e molto semplicemente, non essere.

lamentarmi. questo si mi riesce bene. 




Time, datemi il time 
last time, again
Annunci